Mer. Giu 29th, 2022

RAELIOGGI

le Notizie al Primo Posto

Un giardino delle Giuste e dei Giusti in ogni scuola

3 min read

 

Il 21 aprile, a Catania, presso il Palazzo della Cultura, si è tenuto l’incontro conclusivo della settima edizione del progetto nazionale “Un Giardino delle Giuste e dei Giusti in ogni scuola”, indetto dalla Fnism (Federazione Nazionale insegnanti della scuola), la cui sezione di Catania è presieduta dalla prof.ssa Pina Arena.

L’evento ha consentito di fare incontrare le scuole con le donne e gli uomini del mondo dell’Associazionismo e delle Istituzioni che hanno aderito all’iniziativa, per cercare di promuovere la cultura della parità, ricordando il contributo offerto dalle donne giuste e dagli uomini giusti alla costruzione di un mondo di Pace, Libertà, Uguaglianza, Sorellanza e Fratellanza, attraverso la Resistenza e la Rinascita, ispirandosi a modelli alti. La Resistenza può essere associata alla storia dei Giardini delle Giuste e dei Giusti delle tante scuole d’Italia, che hanno resistito per due anni senza le cure necessarie, a causa della pandemia da Covid 19. Un’altra parola chiave di questo percorso è Rinascita. Questa parola è particolarmente associata al nostro Giardino, così brutalmente vandalizzato, ma pur sempre vivo e rinato sotto la forma del digitale.

Si è voluto creare un legame con la necessità di sensibilizzare alla cura e al rispetto di nostra madre Terra e dell’Umanità attraverso la piantumazione di alberi, e la conoscenza di Giuste e Giusti. È nata, nelle/nei giovani che sono state/i coinvolte/i nel progetto, anche all’interno di laboratori di Educazione Civica, una maggiore consapevolezza sui valori della vita per cui vale la pena combattere.

All’incontro hanno preso parte, oltre alle studentesse e agli studenti accompagnate/i dalle/dai proprie/i docenti, Dirigenti Scolastici, l’assessora alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Catania, Barbara Mirabella, rappresentanti di associazioni amiche del progetto e della Fnism-Ct, la Fondazione Fava, le Associazioni UDI, Rita Atria, Fildis, Orione, AEDE Svezia, Le Siciliane. È stata presente in collegamento anche Luisa Impastato, della Casa Memoria Peppino Impastato, che ha ricordato a tutte e tutti noi la nonna Felicia Bartolotta Impastato e la sua lotta coraggiosa contro la mafia. Inoltre, è stato coinvolgente ascoltare la testimonianza di due sorelle ucraine, Liliia La Hrua e Anastasia Laviola, che hanno raccontato l’orrore della guerra attraverso la lunga fuga dalla loro patria di una di loro.

Noi delle terze classi del Liceo Scientifico del Matteo Raeli abbiamo partecipato all’evento con le docenti Vera Parisi e Ada Dimauro. Abbiamo raccontato l’esperienza di quest’anno, un’attività di Educazione Civica che ha visto l’intitolazione di due alberi a Teresa Sarti e Gino Strada, cofondatori dell’associazione umanitaria Emergency. È stata una bella esperienza incontrare alcune volontarie della stessa associazione, animate da coraggio ed entusiasmo nel portare avanti i loro progetti, in Italia e nel mondo.

Il Matteo Raeli, oltre a ricevere due alberelli da piantare, donati dalla Forestale, è stato insignito del “Premio Alessandro Bruno”, in ricordo di un giovane e di una vita, breve ed intensa, dedicata alla cura della pace e dell’umanità, premio costituito da una somma in denaro da destinare all’acquisto di piante che contribuiranno a ripristinare il nostro Giardino.

Speriamo di riuscire a portare avanti lo spirito del progetto basato sulla cooperazione e sulla condivisione, necessarie a promuovere la Pace, una pace duratura e concreta che sembra oggi così difficile da raggiungere e così lontana, ma possibile solo se noi giovani la vogliamo e lottiamo per raggiungerla, guardando ai modelli di donne e uomini giusti.

Lavinia Campisi, Ludovica Consiglio, Alessandra Ferlisi, Irene Quartararo (III A Liceo Scientifico)

Fabiola Amato, Giulia Guglielmino, Dario Mazza (III B Liceo Scientifico)

 

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.